Edilizia privata al Comune di Cagliari: una nuova procedura di accesso agli atti per gli iscritti agli Ordini

Data di pubblicazione: 
Martedì, Aprile 17, 2018

Edilizia privata al Comune di Cagliari: una nuova procedura di accesso agli atti per gli iscritti agli Ordini

Disponibili sul sito dell’amministrazione i modelli di accesso. OIC: “Buona iniziativa, attesa e da tempo sollecitata assieme a RPT”

Una via d’accesso preferenziale ad atti e documenti per i tecnici iscritti agli Ordini. L’Assessore comunale all’Urbanistica Francesca Ghirra ha presentato nel corso di una riunione dell’Osservatorio Edilizia Privata le nuove modalità di accesso agli atti riservate, per ora, agli iscritti agli Ordini: il procedimento partirà dalla presentazione dell’istanza, tramite apposito modello, da trasmettere anche via PEC allegando il pagamento degli oneri (15 euro o 25 euro a seconda della presenza o meno dei riferimenti esatti alla pratica). Entro tre giorni l’istanza sarà trasmessa al responsabile del procedimento. Il tecnico verrà convocato entro 8-10 giorni, con individuazione di un giorno per l’accesso. “È stata allestita una sala nella quale sono predisposte quattro postazioni a disposizione dei tecnici, che potranno esaminare le pratiche richieste sotto la supervisione di un dipendente comunale – ha spiegato la Ghirra –. Nell’ambiente è presente un armadietto ove andranno riposte le borse o altri materiali dei tecnici, per evitare che si possa alterare o sottrarre gli originali in consultazione, per ovvie ragioni di sicurezza”. La durata di presa visione è di 30+30 minuti, per l’esame e copia della pratica e tutti i correlati adempimenti. Se la pratica è molto articolata si potrà beneficiare di ulteriore tempo.

Un’iniziativa certamente positiva, commenta l’Ordine degli Ingegneri, attesa e da tempo sollecitata anche con il contributo della Rete delle Professioni Tecniche. L’auspicio è che attraverso questa misura e l’annunciato aumento del personale, l’amministrazione riesca a risolvere i problemi relativi al carico pregresso del Servizio, che attualmente ha un ritardo di circa 3 mesi rispetto al tempo limite di 30 giorni. Su questo frangente, il Comune si è impegnato ad impiegare cinque nuovi dipendenti che si occuperanno dell’istruttoria delle vecchie pratiche di accesso, con l’obiettivo di risolvere la situazione entro il mese di giugno 2018.

Ecco il link al sito del Comune con la modulistica rinnovata: https://goo.gl/bsmDzs

Powered by Di-SiDE
Go to top