Rischio Idrogeologico: «I comuni creino centri di competenza per la gestione del territorio»

Data di pubblicazione: 
Mercoledì, Novembre 15, 2017

Centri di competenza comunali per rendere più rapida la risposta agli eventi ma soprattutto per lavorare efficacemente sulla prevenzione dei fenomeni. L’Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari ritiene fondamentale l’istituzione di strutture dedicate su tutto il territorio in modo da semplificare le operazioni di mobilitazione e sistematizzare le azioni di prevenzione.

«A settembre, come Federazione degli Ordini Sardi, abbiamo siglato un protocollo di intesa con la Protezione Civile regionale per istituire le sezioni regionali dell’Ipe (l’associazione ingegneri per la prevenzione e le emergenze) – spiega il presidente di OIC Sandro Catta –, ma non solo: in quell’occasione sessanta colleghi hanno dato la propria adesione e sono stati inseriti nell’elenco provvisorio di professionisti volontari subito disponibili all’intervento in caso di chiamata post calamità naturale». 

Ma questo sforzo da parte dei professionisti rischia di essere reso meno efficace se non accompagnato da un contestuale ed equivalente impegno della Regione e della Amministrazioni comunali sarde. «Per rendere capillare il monitoraggio e la prevenzione sarebbero necessarie strutture dedicate in tutti i comuni sardi così come accade in altre regioni italiane» dice ancora Catta. «Sarebbe inoltre necessario – conclude il presidente – trovare le risorse economiche per garantire la copertura assicurativa ed i necessari percorsi di formazione ed aggiornamento ai professionisti volontari che intervengono a supporto della protezione civile».

Powered by Di-SiDE
Go to top