Informativa: Competenze professionali - Timbri

Data di pubblicazione: 
Martedì, Ottobre 9, 2018

L’attività di quesiti e monitoraggio bandi che l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari svolge ha messo in evidenza una carenza notevole da parte degli iscritti e delle istituzioni in relazione alle competenze delle due sezioni dell’Albo e dei tre settori in cui lo stesso è suddiviso.

Con l’entrata in vigore del DPR n. 328 del 05/06/2001, gli Albi e Collegi professionali hanno subito una notevole modifica e, contestualmente, vi è stata la revisione delle professioni. Il Capo IX del suddetto DPR n. 328, dall’art. 45 all’art. 49, disciplina la Professione dell’Ingegnere.

In particolare, l’art. 45 stabilisce che:

Art. 45.

  1. Nell'albo professionale dell'ordine degli ingegneri sono istituite la sezione A e la sezione B. Ciascuna sezione è ripartita nei seguenti settori:

a)       civile e ambientale;

b)      industriale;

c)       dell'informazione.

  1. Agli iscritti nella sezione A spettano i seguenti titoli professionali:

a)       agli iscritti al settore civile e ambientale, spetta il titolo di ingegnere civile e ambientale;

b)      agli iscritti al settore industriale, spetta il titolo di ingegnere industriale;

c)       agli iscritti al settore dell'informazione, spetta il titolo di ingegnere dell'informazione.

  1. Agli iscritti nella sezione B spettano i seguenti titoli professionali:

a)       agli iscritti al settore civile e ambientale, spetta il titolo di ingegnere civile e ambientale iunior;

b)      agli iscritti al settore industriale, spetta il titolo di ingegnere industriale iunior;

c)       agli iscritti al settore dell'informazione, spetta il titolo di ingegnere dell'informazione iunior.

  1. L'iscrizione all'Albo professionale degli ingegneri è accompagnata dalle dizioni: "sezione degli ingegneri - settore civile e ambientale"; "sezione degli ingegneri - settore industriale"; "sezione degli ingegneri - settore dell'informazione"; "sezione degli ingegneri iuniores - settore civile e ambientale"; "sezione degli ingegneri iuniores - settore industriale"; "sezione degli ingegneri iuniores - settore dell'informazione".

Le competenze proprie di ciascun settore sono invece disciplinate dall’art. 46 che si riporta testualmente:

Art. 46. Attività professionali

  1. Le attività professionali che formano oggetto della professione di ingegnere sono così ripartite tra i settori di cui all'articolo 45, comma 1:

a)       per il settore "ingegneria civile e ambientale": la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo, la gestione, la valutazione di impatto ambientale di opere edili e strutture, infrastrutture, territoriali e di trasporto, di opere per la difesa del suolo e per il disinquinamento e la depurazione, di opere geotecniche, di sistemi e impianti civili e per l'ambiente e il territorio;

b)      per il settore "ingegneria industriale": la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo, la gestione, la valutazione di impatto ambientale di macchine, impianti industriali, di impianti per la produzione, trasformazione e la distribuzione dell'energia, di sistemi e processi industriali e tecnologici, di apparati e di strumentazioni per la diagnostica e per la terapia medico-chirurgica;

c)       per il settore "ingegneria dell'informazione": la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo e la gestione di impianti e sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni.

  1. Ferme restando le riserve e le attribuzioni già stabilite dalla vigente normativa e oltre alle attività indicate nel comma 3, formano in particolare oggetto dell'attività professionale degli iscritti alla sezione A, ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 1, comma 2, le attività, ripartite tra i tre settori come previsto dal comma 1, che implicano l'uso di metodologie avanzate, innovative o sperimentali nella progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di strutture, sistemi e processi complessi o innovativi.
  2. Restando immutate le riserve e le attribuzioni già stabilite dalla vigente normativa, formano oggetto dell'attività professionale degli iscritti alla sezione B, ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 1, comma 2:

a)       per il settore "ingegneria civile e ambientale":

1) le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione dei lavori, stima e collaudo di opere edilizie comprese le opere pubbliche;

2) la progettazione, la direzione dei lavori, la vigilanza, la contabilità e la liquidazione relative a costruzioni civili semplici, con l'uso di metodologie standardizzate;

3) i rilievi diretti e strumentali sull'edilizia attuale e storica e i rilievi geometrici di qualunque natura;

b)      per il settore "ingegneria industriale":

1) le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di macchine e impianti, comprese le opere pubbliche;

2) i rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti macchine e impianti;

3) le attività che implicano l'uso di metodologie standardizzate, quali la progettazione, direzione lavori e collaudo di singoli organi o di singoli componenti di macchine, di impianti e di sistemi, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva;

c)       per il settore "ingegneria dell'informazione":

1) le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di impianti e di sistemi elettronici, di automazioni e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni;

2) i rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti impianti e sistemi elettronici;

3) le attività che implicano l'uso di metodologie standardizzate, quali la progettazione, direzione lavori e collaudo di singoli organi o componenti di impianti e di sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva.

Si evidenzia che le competenze specifiche di ciascun Ingegnere si evincono dall’iscrizione alla Sezione dell’Albo (A/B) e dal relativo settore.

La verifica pertanto dei requisiti di iscrizione del professionista e le relative competenze sono in capo al committente il quale è tenuto ad affidare gli incarichi professionali nel rispetto delle specifiche competenze previste per legge.

Allo stesso tempo è onere del professionista precisare al committente quali siano le sue specifiche competenze e attenersi, nell’espletamento della professione, esclusivamente alle prestazioni per le quali lo stesso è abilitato ed iscritto all’Ordine.

L’Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari ricorda pertanto a tutti i committenti, siano essi pubblici che privati, la verifica e il rispetto della norma di settore.

A ogni buon fine, si rammenta agli iscritti che l’espletamento di incarichi e prestazioni al di fuori di quelli per cui si è abilitati costituisce esercizio abusivo della professione e pertanto è penalmente perseguibile.

Timbro Sezione A e Sezione B

Si rammenta inoltre agli iscritti che l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari ha stabilito, tramite delibera di Consiglio - seduta del 5 settembre 2002[1], che il timbro dedicato agli iscritti della sezione B ha sezione circolare e la dicitura: Ordine Ingegneri Provincia Cagliari – ing. iunior _____ n. ____ settore _____.

È fatto obbligo di utilizzare esclusivamente timbri con le caratteristiche riportate per ciascuna sezione.

Si vedano gli esempi di seguito:

 Timbro sezione A

Figura 1 Timbro Sezione A

Timbro sezione B 

Figura 2 Timbro sezione B




[1] «Il Consiglio delibera di istituire un nuovo timbro per gli iscritti alla sezione B con le seguenti caratteristiche: sezione circolare, con la dicitura "Ordine Ingegneri Provincia Cagliari - ing. iunior ........ n. ...... settore...... . Il timbro per la sezione A resta immutato».

Powered by Di-SiDE
Go to top